Sistema Mark

Uno standard implantologico e un protocollo clinico universalmente conosciuto

Uno standard implantologico largamente utilizzato da oltre venti anni a cui si applica un protocollo clinico universalmente conosciuto.

Il sistema Mark è una delle tipologie d’impianto più diffusa al mondo. L’impianto cilindrico a vite e la connessione implantoprotesica avvitata mediante esagono esterno seguono uno standard implantologico largamente utilizzato da oltre venti anni.

Le caratteristiche tecniche delle viti-impianto, della componentistica protesica e della strumentazione chirurgica rendono il sistema Mark semplice nell’utilizzo, sia per lo Studio Odontoiatrico che per il Laboratorio.

Le viti-impianto filettate di forma cilindrica trovano una buona stabilità primaria in tutte le qualità ossee. La geometria apicale auto-filettante consente di non dover ricorrere all’operazione di maschiatura nella maggioranza delle situazioni.

Precisione e affidabilità: le parti sono prodotte con tolleranze di produzione molto strette e garantiscono la massima precisione negli accoppiamenti, traducendosi in affidabilità del prodotto ed elevate percentuali di successo nel lungo periodo. Nel corso del tempo sono stati introdotti importanti miglioramenti come la superficie OsseoGRIP e il continuo aggiornamento della componentistica protesica.

Le componenti protesiche si caratterizzano per la precisione degli accoppiamenti, l’ampiezza della gamma offerta e la semplicità del loro utilizzo sia per lo Studio Odontoiatrico che per il Laboratorio. La metodica con connessione esagonale esterna si presta in maniera particolare per il trattamento di edentulie estese che richiedono grandi riabilitazioni.

Prodotti tradizionali come i Multi Unit Abutment, i monconi ad attacco sferico per overdenture e i monconi calcinabili, offrono soluzioni flessibili ed economicamente competitive. Nel caso di mono-impianto la possibilità di utilizzare la vite cava fresabile elimina il rischio di svitamento dei monconi. L’impianto è disponibile in due differenti confezionamenti, uno contenente la sola vite impianto e vite di copertura e l’altro contenente la vite impianto con dispositivo di montaggio preassemblato (utilizzabile come transfer da impronta per portaimpronte forato e modellabile e utilizzabile anche come moncone protesico individualizzato), vite di copertura e anello transmucoso (per utilizzare la vite di copertura come moncone di guarigione con tecnica mono-fasica o al recupero dell’impianto con tecnica bifasica).